Naviga per Categoria

QUADERNI DELLA GUERRA E ALTRI TESTI

Inserito da serrilux

QUADERNI DELLA GUERRA E ALTRI TESTI

di Marguerite Duras, Feltrinelli, 2008, pp. 323, € 19,50

I Quaderni della guerra e altri testi di Marguerite Duras, è un libro singolare e specie per quanto riguarda i Quaderni (quattro), ci sono memorie, ricordi, vissuti di straordinaria bellezza redatti tra il 1943 e il 1949 da un’acuta e precoce ragazza francese. Questi diari di bordo escono dagli archivi dell’Institut Mémoires de l’édition contemporaine dove la Duras li aveva depositati nel 1995. Sono frammenti autobiografici e contengono la testimonianza autorevole di una nascita letteraria, quella di una tra le più importanti scrittrici del ‘900. I Quaderni raccontano la stupidità della guerra, l’infanzia in Indocina, abbozzi di romanzi poi divenuti famosi, come l’Amante, Una diga sul pacifico, Il marinaio di Gibilterra o Il dolore. Il volume si completa con altri dieci scritti (racconti, romanzi incompiuti, dialoghi, riflessioni in forma di lettera…) e l’insieme è davvero importante per decifrare a fondo l’emersione estetica ed etica di un pensiero radicale al femminile che anticipa di trent’anni i movimenti della Donna in rivolta.

La “visione scritturale” della Duras è fortemente incisa negli avvenimenti politici del suo tempo e nei Quaderni non teme di attaccare i simboli e gli alfieri del potere. Di De Gaulle dice: “ha dissanguato il popolo, gli ha tolto la sua forza… Tutto quello che ha saputo fare è mandare il popolo al macello”. E ancora: “De Gaulle ha decretato il lutto nazionale per la morte di Roosevelt. Niente lutto nazionale per i cinquecentomila deportati morti di fame e falciati dalle pallottole. Bisogna tenere buona l’America… Il lutto per il popolo non si porta”. Parole dure, vere. E ce ne sono altre contro la chiesa, la politica dell’indifferenza e i giochi sporchi dell’economia.

Bella, sconcertante e dolorosa è la trattazione della morte del primo figlio, quella del fratello, la sua attività durante la resistenza, la deportazione e il ritorno dai campi di sterminio del marito (Robert Antelme), la nascita del figlio Jean, il primo amante… è una lettura libera, spoglia di ogni finzione, di ogni timore reverenziale che ci porta a rivivere un’infanzia prolungata e la genesi di un talento letterario (e cinematografico) singolare e scomodo. Immediatamente, dalla prima frase, la forza figurativa della scrittura della Duras è lì, pura, autentica, utopica, indimenticabile.

26 volte giugno 2008

Pedro Luis Raota. Sulla fotografia dell’assurdo

Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota

Diane Arbus. L’Angelo nero della fotografia in anarchia

Diane Arbus Diane Arbus Diane Arbus Diane Arbus

James Natchwey. Sulla fotografia del dolore e le lacrime dei vinti

James Natchwey James Natchwey James Natchwey James Natchwey

LIU XIA: Sulla fotografia dei diritti umani

LIU_XIA_08 LIU_XIA_07 LIU_XIA_06 LIU_XIA_05