Naviga per Categoria

Pino Bertelli: Ritratti dell’infanzia violata

Inserito da serrilux

  • Pino Bertelli: Ritratti dell’infanzia violata
  • Pino Bertelli: Ritratti dell’infanzia violata
  • Pino Bertelli: Ritratti dell’infanzia violata
  • Pino Bertelli: Ritratti dell’infanzia violata
  • Pino Bertelli: Ritratti dell’infanzia violata

10 giugno- 31 luglio 2016Art Corner – Biblioteca San Giorgio, Pistoia – Pino Bertelli – Mostra fotografica – Inaugurazione venerdì 10 giugno, ore 17 – Saletta Bigongiari
Pino Bertelli a PistoiaIn occasione dell’inaugurazione, l’autore proietterà l’intero lavoro fotografico relativo alla mostra “Ritratti dell’infanzia violata”  di cui, presso l’Art Corner, è presente una significativa selezione.

A proposito della fotografia, e del ritratto fotografico in particolare, scrive Bertelli:
La fotografia, quando è grande, esprime il ritratto di un’epoca. Non evoca nulla. Mostra una parte per il tutto. In ogni forma d’arte ciò che è importante è fare una scelta, elaborare una sintesi, escludere l’inutile e il troppo facile. Si tratta di tagliare le fronde dell’opulenza descrittiva per lavorare nel rizoma del segno rovesciato. Dietro ogni grande fotografia c’è un criminale o un poeta dell’anima bella, sempre.
La ritrattistica degli esclusi è legata al pudore, al rispetto, alla dignità dei volti, dei corpi, delle situazioni che fuoriescono nell’istante preso ai fotografati e, secondo una visione antropologica dell’immagine, dove la persona è interprete di una memoria storica/politica di antica forza e profonda importanza per un intero Paese.
Il fare-fotografia degli ultimi è consacrato a precisare, affinare, aggiungere, dire ciò che i mutamenti della società esigono… “non c’è mai disperazione senza un po’ di speranza” (Pier Paolo Pasolini) e i fotoracconti, i ritratti ambientati, i tagli figurativi degli esclusi figurano l’odore del vero di uomini, donne, ragazzi deposti in un sudario amorevole verso la comunità che viene. La fotografia degli esclusi coniuga l’uomo e il mondo in punta di fotocamera e ricostruisce la vita quotidiana del proprio tempo. Il fotografo può essere innocente, la fotografia mai!
La fotografia così fatta mette a nudo il cuore suo e quello dei ritrattati e riporta la loro presenza all’innocenza di un esistere sovente faticoso o ingiusto, tuttavia è un frammento di realtà che si fa storia. È là dove avviene la nascita della fotografia autentica che nascono i desideri di una vita migliore.”

Pedro Luis Raota. Sulla fotografia dell’assurdo

Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota

Diane Arbus. L’Angelo nero della fotografia in anarchia

Diane Arbus Diane Arbus Diane Arbus Diane Arbus

James Natchwey. Sulla fotografia del dolore e le lacrime dei vinti

James Natchwey James Natchwey James Natchwey James Natchwey

LIU XIA: Sulla fotografia dei diritti umani

LIU_XIA_08 LIU_XIA_07 LIU_XIA_06 LIU_XIA_05