Naviga per Categoria

RESTIAMO UMANI – THE READING MOVIE

Inserito da serrilux

 di Fulvio Renzi e Luca Incorvaia, 2013

Dedicatoria

A ricordo di mio padre e mia madre, siano benedetti nel mare d’inverno o nell’acqua delle serpi in amore della città-porto dove dividevo la mia sete di gioia, di violenza e di rabbia con i ragazzi che come me erano allevati nella pubblica via… perché mi hanno insegnato ad amare lo straniero, il diverso, l’oppresso, l’escluso, l’indifeso, il folle… e più di ogni cosa a non dimenticare che per conquistare la libertà di un intero popolo (di asserviti o di vigliacchi) la meglio gioventù della Resistenza ha preso il fucile, è andata alla macchia e con sessantamila morti ha permesso la nascita della democrazia e sancito il ripudio di ogni guerra… dimenticavo… mio padre mi ha lasciato in sorte le parole del padre suo e del padre di suo padre… sana gente di osteria, dove si brindava alla testa dei re, alla fucilazione dei padroni e si cantava “L’inno dei malfattori”:
“Ricorda figlio caro – diceva, mentre mia madre incartava pane e formaggio da portare agli operai che avevano occupato la fabbrica in difesa dei propri diritti – il solo politico buono è quello che penzola da una corda!”.

II. RESTIAMO UMANI — THE READING MOVIE

Restiamo umani – The Reading Movie (Il film della lettura) di Fulvio Renzi e Luca Incorvaia non è un docu-film, né un documentario, né una performance teatrale e non ha a che vedere nulla con ciò che trabocca dall’informazione televisiva predominante…è un film-parlato, un reading movie, appunto… un film in forma di poesia che intreccia corpi e parole in maniera singolare… qualcosa che va oltre l’abituale produzione e ricezione della macchina/cinema. Si tratta della lettura integrale dei 19 capitoli del libro di Vittorio Arrigoni – Gaza Restiamo umani – dicembre 2008 -gennaio 2009 (Manifestolibri, 2009)… è il diario e unica testimonianza diretta dei 23 giorni di massacro del popolo palestinese nella striscia di Gaza (avvenuto tra la fine del 2008 e l’inizio del 2009) ad opera dell’esercito israeliano, un’operazione militare denominata “Piombo Fuso”. Morirono più di 1.400 persone, in maggioranza civili, più di 400 i bambini uccisi. Il film si articola in 19 capitoli letti da 19 personalità internazionali che lavorano in difesa dei diritti umani: Ronnie Barkan, Noam Chomsky, Rabbi David Weiss – mettono i loro volti e le loro storie personali nei racconti di Arrigoni e fanno rivivere le ingiustizie, i terrori, i massacri subiti dal popolo palestinese, sovente in “buona pace” o nell’indifferenza dell’intera cosiddetta”società civile”.

www.restiamoumani.com

continua a leggere …

 

Pedro Luis Raota. Sulla fotografia dell’assurdo

Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota

Diane Arbus. L’Angelo nero della fotografia in anarchia

Diane Arbus Diane Arbus Diane Arbus Diane Arbus

James Natchwey. Sulla fotografia del dolore e le lacrime dei vinti

James Natchwey James Natchwey James Natchwey James Natchwey

LIU XIA: Sulla fotografia dei diritti umani

LIU_XIA_08 LIU_XIA_07 LIU_XIA_06 LIU_XIA_05