Naviga per Categoria

NO AL SILENZIATORE

Inserito da serrilux

NO AL SILENZIATORE

di Naji al-Ali – reprint 2012

Il libro di Naji, con oltre 200 disegni, è stata la prima pubblicazione antologica in Europa delle sue vignette, edito da Traccedizioni nel 1994 con prefazione di Saad Kiwan, introduzione di Vauro Senesi, a cura di Pino Bertelli. Ora,a 18 anni dalla prima e unica edizione esaurita da tempo,Azione Sperimentale, già impegnata nella realizzazione di Restiamo Umani – The Reading Movie (www.restiamoumani.com) ristampa il libro in una nuova edizione di altissima qualità in italiano e inglese.

Scrive Pino Bertelli:

Nella storia dell’arte a fumetti, Naji Al-Ali ha un posto centrale, anche se per molti versi poco conosciuto o celato dalla storiografia dominante. Naji Al-Ali del resto non era artista di facili ingabbiature… la sua opera (vignette, caricature, disegni), tra le più alte e impegnate nella storia del fumetto, esprime la grazia e la “pesantezza” della realtà incise sulla carta… nelle storie che racconta in punta di penna si legge l’impossibilità di perdonare chi ha fatto del male (lo Stato di Israele) e continua a farlo con la ferocia inaudita del più armato… gli ebrei hanno subìto, è vero, la catastrofe della Shoah, tuttavia sembra che gli israeliani (non tutti gli ebrei) l’abbiano dimenticata e si comportano con uguale efferatezza nei confronti del popolo palestinese.La grazia sparsa nei fumetti del disegnatore non è consolazione, è luce. È la realtà calpestata dei palestinesi trasportata in migliaia di strisce (oltre quarantamila). L’immaginazione di Naji Al-Ali lavora per aprire le fessure sociali dove la grazia fa il covo e controbatte l’odio, l’amarezza, il rancore dei predatori israeliani. “Nel male, come nel sogno, non ci sono letture multiple. Da ciò la semplicità dei criminali” (Simone Weil). I disegni, le vignette, le tavole di Naji Al-Ali ci insegnano a ben morire come a ben vivere. La sua opera in- tera è un atto d’amore e di libertà mai cantato prima con questa forza e que- sta bellezza autoriale. Qui la grazia dell’esistente diventa pane e chi deside- ra veramente la salvezza di un popolo e la pace canta la gioia dell’uomo, non di dio. Il velario della miseria umana che taglia si radica nella trasfigurazione della verità, inneggia contro il silenzio dei potenti e fa della disobbedienza una luce che illumina i giusti e gli ingiusti. La disobbedienza è la virtù suprema che ama il rispetto dell’individuo e nell’azione estrema incide la ne- cessità universale di un popolo liberato.

(tratto dal libro di Naji al-Ali, No al silenziatore, Traccedizioni, 1994)

Pedro Luis Raota. Sulla fotografia dell’assurdo

Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota

Diane Arbus. L’Angelo nero della fotografia in anarchia

Diane Arbus Diane Arbus Diane Arbus Diane Arbus

James Natchwey. Sulla fotografia del dolore e le lacrime dei vinti

James Natchwey James Natchwey James Natchwey James Natchwey

LIU XIA: Sulla fotografia dei diritti umani

LIU_XIA_08 LIU_XIA_07 LIU_XIA_06 LIU_XIA_05