Naviga per Categoria

GREG TROOPER. SULLA MUSICA DEGLI ESCLUSI

Inserito da serrilux

Incontro tra Greg Trooper e Pino Bertelli
Traduzione simultanea e redazione, Myriam Aarab

Gregory “Greg” Trooper ( 13 gennaio 1956 – 5 gennaio 2017) è stato un cantautore statunitense. Nato nel New Jersey è autore di una decina di album in studio ad altri dal vivo per varie etichette.
[Questa conversazione si svolge tra il fotografo degli ultimi e un grande artista della musica internazionale che parla al cuore degli esclusi].

Pino Bertelli – Mi piace la malinconia della tua musica, ci sento il sogno e il desiderio di un mondo più giusto e più umano, è così?

Greg Trooper – Sì. Mi piace scrivere del mondo vero, che a volte può essere scuro, ma cerco sempre di lasciare spazio per la speranza…

Pino Bertelli – I tuoi testi credo vadano verso gli ultimi, gli umiliati e gli offesi, e contengono una giusta speranza, o almeno così ho capito, per il poco inglese che so!

Greg Trooper – Assolutamente! Cerco sempre di scrivere delle esperienze reali delle persone, e ciò che dico alla gente, quando mi chiedono del mio modo di scrivere canzoni, è che la realtà è basata sulla finzione! E’ che scrivo storie, non tanto su me stesso, ma su cose che vedo…

Pino Bertelli – Ma c’è amore nei tuoi testi e nella tua musica, questo almeno è quanto penso che tu trasmetta (con grazia) dai bordi di New York…

Interview Myriam Aarab, Greg Trooper e Pino Bertelli

Greg Trooper – Sì, c’è un sacco di amore e di sentimento, cerco sempre di scrivere emozionalmente, e con senso dell’umorismo!

Pino Bertelli – Tu cosa vuoi dire con la tua arte, col tuo modo bello di comunicare agli altri, la semplicità dei sentimenti, delle emozioni e delle passioni degli uomini e delle donne della terra (anche lo loro fragilità), forse?

Greg Trooper – Beh, ecco cosa c’è sullo scrivere canzoni… durano solo 3 minuti, e ciò che cerco di fare è concentrare e semplificare questioni complesse in tre minuti, e quindi sai, la musica gioca una grandissima parte nello stabilire e determinare le tue idee!

Pino Bertelli – Cosa significano i tuoi testi? E’ autobiografia? Lasciaci le tue parole e le getteremo nel vento ai cuori in amore che sono calpestati sui marciapiedi della terra….

Greg Trooper – Beh, un po’ di autobiografia c’è, ma la mia vita è abbastanza noiosa. Se scrivessi solo su di me la cosa non si farebbe così interessante. E quindi, mettendomi nei panni degli altri, e parlando di storie che sento, o che leggo, o che immagino, posso creare una connessione più grande con chi ascolta!

Pino Bertelli – Ho conosciuto e fotografato Chet Baker a Piombino… ci siamo ubriacati insieme davanti al mare, ma è stato lui a ritrovare il luogo del suo concerto… Chet Beker mi ha dato le stesse emozioni che mi hai dato tu. Grazie. Lascia a chi non ha voce (ed è stato allevato nella pubblica via com noi) un verso di una tua canzone e lo accoglieremo nelle nostre anime perse.
[Con Chet Beker andammo al porticciolo di Marina per fare un’intervista e qualche fotografia… mangiammo pollo fritto da mia madre e vino buono dell’osteria Toni… c’era anche mio padre sul muretto del porticciolo, si fumava il sigaro toscano sul tramonto… io non sapevo l’ inglese, Chet masticava un po’ d’italiano e ne uscì una cosa deliziosa, non si parlò mai di musica, solo di amore tra i popoli, razzismi quotidiani e libertà condivise… Chet era molto magro, senza denti, aveva un maglione arancione e i pantaloni a quadri… guardava curioso le braccia senza mani di mio padre, mi allungò il fiasco e un po’ commosso, forse per il sole che affogava dal mare, brindammo a tutti gli emarginati della terra… quella sera, in concerto, mi dedicò una canzone che cantò a cappella, My Funny Valentine, due fili di lacrime mi scesero sul viso e nel cuore… quando mori, tornai sul muretto del porticciolo e mi scolai un fiasco di vino alla sua nobiliare memoria… tutto qui].

Greg Trooper – Oh, sono veramente lusingato! Mi piace questo verso che ho scritto, nella canzone “Muhammad Ali” : “Muhammad Ali, non faceva ciò che volevano… invece ha trovato il suo Dio e ci stava insegnando il significato del Natale”

Pino Bertelli – Io ho un sogno. Sogno di vedere una società di liberi e di uguali. Qual è il tuo?

Greg Trooper – Questa non è una domanda facile. Sono d’accordo con te, anche perché credo che questo sia il sogno di noi tutti… ma, credo che il mio sogno sia che l’umanità riesca a vincere nella gara contro l’avidità.

Una coppia di solitari (una ballata di Greg Trooper)

“I tuoi sentimenti sono feriti
Mentre torni di nuovo dal lavoro
Anche i miei sono feriti
Li hai feriti tu.

Abbiamo urlato come bambini
Per le piccole stupide cose che abbiamo fatto
Ti ho fatta piangere
E ho preso a pugni il cielo

Siamo andati avanti per così tanto
Facendo finta che non ci fosse nulla di sbagliato
Siamo scesi sempre più in basso
E ci siamo scordati dell’amore che avevamo trovato

Lavori, fino a darti intorpidire le dita
Da quando sorge il sole, a quando tramonta
Io sono via, da qualche parte
E noi facciamo una coppia di solitari

I tuoi sentimenti sono feriti
E ora non sai cosa sarebbe peggio
Se vivere separati, o semplicemente infelici
Potrebbe esserci qualcosa che non abbiamo trovato

Possiamo parlare di come ci sentiamo
Le lacrime potrebbero cadere, potremmo perdere la pazienza
Ma potremmo provare a riconoscerci
Prima di dirci addio”.

Discography

  • We Won’t Dance [The Greg Trooper Band] (1986)
  • Everywhere (1992)
  • Noises in the Hallway (1996)
  • Popular Demons (1998)
  • Straight Down Rain (2001)
  • Between A House and a Hard Place: Live At Pine Hill Farm (2002)
  • Floating (2003)
  • Make It Through This World (2005)
  • The BackShop Live (2006)
  • The Williamsburg Affair (2009)
  • Upside-Down Town (2010)
  • Incident On Willow Street (2013)
  • Live at the Rock Room (2015)

La conversazione tra Gregg Trooper, Pino Bertelli e Myriam Aarab è avvenuta dopo il concerto di Greg al Gattarossa, Piombino, 18 volte aprile, 2012, è stata poi pubblicata in Tracce. Magazine di critica radicale e nella rivista Cult.

Danilo De Marco. Sulla fotografia di resistenza e insubordinazione

Danilo De Marco Danilo De Marco Danilo De Marco Danilo De Marco

Pedro Luis Raota. Sulla fotografia dell’assurdo

Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota

James Natchwey. Sulla fotografia del dolore e le lacrime dei vinti

James Natchwey James Natchwey James Natchwey James Natchwey