Naviga per Categoria

Gli scugnizzi caracciolini. Immagini di una memoria napoletana

Inserito da serrilux

Gli scugnizzi caracciolini. Immagini di una memoria napoletana

P. Bertelli, A. M. Casiello, F. Cocifoglia, A. Mussari, M. A. Selvaggia cura di Maria Antonietta Selvaggio, 2018
Edizioni LA CITTA’ DEL SOLE

Ci sono nella terra miniere per attingervi ricchezze; anche pel cuore dobbiamo conservare accumuli di vita, di grandezza: questi, a chi sa raccoglierli, sono presso ai poveri e agli abbandonati.
Ma chi è il minatore?
Un eroe e un angelo insieme: spesso è una donna sublime – come qui – sulla Nave.
Maria Montessori

Ho visto! Grazie Signora per il mio paese.
L’opera Sua di abnegazione avrà quel riconoscimento dovuto e quella gratitudine piena che si deve a chi tutto dà – nulla ricevendo – per il bene dei minori che sapranno, per i sentieri, quando l’animo loro sarà fiorito – il bene da lei conferito ad essi ed all’Italia. Li saluteranno questi piccoli – artefici insigni, uomini di pensiero e soldati prodi – li saluteranno nella Grande Italia – figli purissimi ed il pensiero grato ed entusiasta volerà a Lei.
Raffaele Viviani

Napoli divenne «meta degli studiosi di pedagogia di tutto il mondo civile» e fu «additata ad esempio in paesi distanti fra loro come il Giappone e la Svezia, la Repubblica di Cuba e l’Argentina.
E questo fu precisamente dal 1913 al 1928 quando il suo porto ospitava la Nave Asilo Caracciolo».
Lieta Nicodemi, 1947

Danilo De Marco. Sulla fotografia di resistenza e insubordinazione

Danilo De Marco Danilo De Marco Danilo De Marco Danilo De Marco

Pedro Luis Raota. Sulla fotografia dell’assurdo

Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota

James Natchwey. Sulla fotografia del dolore e le lacrime dei vinti

James Natchwey James Natchwey James Natchwey James Natchwey