Naviga per Categoria

E quel maggio fu rivoluzione

Inserito da serrilux

E quel maggio fu rivoluzione

di Angelo Quattrocchi, Interno 4, pp. 160, € 10, 00

Il libro di Angelo Quattrocchi, per gli amici (quali siamo stati) Baby Face, E quel maggio fu rivoluzione (la ri- stampa di un testo al quale tornare sempre, per com- prendere i giorni del dissenso, quando i movimenti gio- vanili si opposero ai fucili e ai gas lacrimogeni e spacca- rono il mondo in due, oppressi e oppressori)… è il rac- conto del Maggio francese (e delle vampate di rivolta sociale che si portò dietro)… forte, sincero, condiviso che Quattrocchi ha redatto sul campo… non è solo una cronologia dei fatti — quando le giovani generazioni dettero l’assalto al potere, non per possederlo ma per meglio distruggerlo —… è la vera e propria storia di una rivoluzione della gioia che abbe luogo a Parigi nel Mag- gio 1968.

Il linguaggio di E quel maggio fu rivoluzione ha molto a che fare con i testi ereticali/sovversivi dell’Internazio- nale Situazionista… Quattrocchi correda lo scritto con manifesti, locandine, volantini che in quei giorni inon- darono non solo la Francia ma l’intera Europa… riporta le scritte murali ormai incancellabili nell’immaginario
della controcultura planetaria — “Siate realisti, chiedete l’impossibile!”, “Coloro che fanno la rivoluzione a metà si scavano la tomba da soli!”, “Io prendo i miei desideri per realtà perché credo nella realtà dei miei desideri!”… e la più bella di tutte (saccheggiata e détournata da un curato di Campagna, comunista e anar- chico del ‘700, Jean Meslier): “Quando l’ultimo dei capitalisti sarà impiccato con le budella dell’ultimo ri- formista, allora, e solo allora, l’umanità sarà liberata” —. Il libro restituisce lo spirito di un tempo dove so- gnare era anche vivere e un intero popolo non voleva più solo il pane ma anche le rose (e con tutti i mezzi necessari alzava il tiro contro i simulacri della società dello spettacolo e rendeva la vergogna ancora più ver- gognosa). Va detto: in quell’anno anche i vini e le marmellate vennero più buoni, e niente sarà più come prima.

La cronaca del vissuto quotidiano di Quattrocchi è prodiga di fatti, azioni, personaggi che fecero l’impre- sa… anche la caduta delle lotte del Maggio è descritta con passione e compassione per ciò che si andava a perdere… tuttavia al fondo delle parole, delle invettive, della costruzione delle situazioni… si raccoglie una vitalità traboccante, la critica radicale della domesticazione sociale, e al di là dei supposti miti ideologici (mai del tutto incanalati nei partiti), ciò che resta negli occhi del lettore attento è l’ascesi di una edificazione, di un’insurrezione o di una spaccatura contro la dossologia borghese e la partitocrazia dominante… gli incen- sieri dei sindacati, i palafrenieri della politica, i giannizzeri delle polizie, i saltimbanchi dei saperi e gli im- piumati delle chiese — abili nell’arte di apparire, della maschera e della finzione, almeno per una volta, cono
sceranno il battesimo del bello, del giusto e del bene comune… i loro tremori svelavano un’epoca che sarà stata tutto tranne che intelligente.
Le metafore scritturali di E quel maggio fu rivoluzione, riportano alla bella individualità amorosa che acce- deva alla libertà attraverso il ludico, il gioco, la festa… e ovunque si chiedeva l’ora di ricreazione prolungata che andava a infrangere il tempo dei pubblici orologi… i padri tornavano a parlare (o scontrarsi) con i figli e ciascuno faceva della propria vita un’opera d’arte… Quattrocchi sottolinea che l’onda lunga del dissenso chiedeva l’impossibile per ottenere non solo il possibile ma il pensabile e la felicità, il piacere e perfino il fallimento erano legati alla rivoluzione sociale di domani.

E quel maggio fu rivoluzione è una cartografia veridica di ciò che accadde in quella primavera di bellezza e anche lucciole brillavano nei pugni chiusi degli insorti del desiderio… la libertà prendeva forma e consisten- za nel momento del suo sorgere e ciascuno doveva scegliere, cancellare, distruggere o incidere nella germi- nazione di un evento storico irripetibile… Quattrocchi padroneggia uno stile da pamphlettista mirabile… frammenta, divide, esplode e scolpisce, frase dopo frase, il viatico di un comportamento collettivo che anda- va rivoluzionando lo statuto della società, liberandola dagli schemi e dalle costrizioni… dà forma a una mate- ria, a un’etica del rovesciamento di prospettiva di un mondo rovesciato, più ancora, dice che non c’è rivolu- zione senza un’idea che la sostenga e che la faccia debuttare sul sagrato della storia.
Il libro di Quattrocchi è come la partitura delle canzoni di gesta, dove la spontaneità, la differenza, la creati- vità prendono il posto mitologico della società dei consumi e lo sostituiscono con le lacrime, il sorriso e lo stupore di aver compreso che non ci possono essere rinascimenti senza rivoluzioni. La Comune degli stu- denti e degli operai del ’68 ha fatto una breccia (direbbe Edgar Morin) nei recinti degli amministratori di morali, di valori e di codici… il focolaio attivo della rivolta per la conquista della democrazia partecipata, di- retta o dei consigli — annota Quattrocchi — portava gente di ogni strato sociale sulle barricate e lì ciascuno diveniva il piccolo Gavroche de I miserabili di Victor Hugo (un ragazzo di strada che viene ucciso a fianco degli insorti).

E quel maggio fu rivoluzione è, appunto, il diario di un’intera generazione che aspirava ad assumere la storia reale al posto della menzogna legiferata, a distruggere tutte le gerarchie e castigare i cortigiani d’ogni ca- sta… “Tutto il potere all’immaginazione”, gridavano con le bandiere rosse e nere al vento… volevano dare all’intellighenzia politica e padronale la sorte che meritavano, affogarli nelle cloache da dove erano venuti. Certo, è stata una rivoluzione perduta… o forse solo rimandata… “Torneremo”, scrivevano sui monumenti delle università e sui mattoni delle fabbriche… se Marx voleva cambiare il mondo, i ragazzi del ’68 volevano cambiare la vita quotidiana (come Rimbaud), hanno perso, è vero, ma avevano ragione.

Piombino, dal vicolo dei gatti in amore, 19 volte giugno 2018

Danilo De Marco. Sulla fotografia di resistenza e insubordinazione

Danilo De Marco Danilo De Marco Danilo De Marco Danilo De Marco

Pedro Luis Raota. Sulla fotografia dell’assurdo

Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota

James Natchwey. Sulla fotografia del dolore e le lacrime dei vinti

James Natchwey James Natchwey James Natchwey James Natchwey