Naviga per Categoria

Alvise (I pugni in tasca)

Inserito da serrilux

ALVISE (I PUGNI IN TASCA)*
testo Pino Bertelli, musica Massimo Panicucci

La porta grande che dà sulle scale
è il tuo primo potere da scardinare
e già fuggi a tentoni la camera azzurra
piena di calore, strani immagini sacre, ampia e pulita
dove di lato c’è un pianoforte
– con sopra un ritratto di morte –
non ci badare

è soltanto un sentiero
che si è smarrito in un bosco nero
è una nave grande che è partita
e che poi non è più tornata
— tu pensa alla porta e al mistero di fuori
porta con te le tue figurine a colori

I tuoi apparecchi di carta e cartone leggeri
ti portano subito, proprio dove vuoi
oppure stanno fermi se tu vuoi
e se resti davanti alla finestra
allora i tuoi occhi sono aeroplani
— tieniti stretta la tua monetina —

ci vuole poco a comprarti un gelato
o a raccontarti una favola oscena
è più difficile trattarti alla pari
è più difficile non farti violenza
— che strano amore è il nostro amore da manuale —

sarebbe meglio tu crescessi da solo

L’estate è generosa con i bambini
il vento caldo apre un po’ la prigione di Alvise
e corre in cortile ed è bello
ascoltarlo parlare con le mosche
è bello imparare la sua fantasia
— io vorrei potermi fare capire —

ma non ci badare
già sai che il lupo cattivo di mia madre
sono i nostri padroni e i loro santi
sai benissimo che uno come te
una caramella non lo potrà mai comprare
— vorrei dirti che sto dalla tua parte —

ma forse è meglio che ti lasci giocare.

* Alvise è il nome di Lou Castel nel film di Salvatore Samperi, Grazie zia (1968),
I pugni in tasca (1965) è il titolo del film di Marco Bellocchio.

 

 

 

Danilo De Marco. Sulla fotografia di resistenza e insubordinazione

Danilo De Marco Danilo De Marco Danilo De Marco Danilo De Marco

Pedro Luis Raota. Sulla fotografia dell’assurdo

Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota Pedro Luis Raota

James Natchwey. Sulla fotografia del dolore e le lacrime dei vinti

James Natchwey James Natchwey James Natchwey James Natchwey