Pino Bertelli
Quando il sogno di libertà , amore, fraternità tra le genti è di uno soltanto, resta solo un sogno … quando questo sogno entra nel cuore di tanti diventa storia …
Ciao a te …
reporter sans frontiere
Scritti eretici. Articoli, frammenti, schegge di libri corsari. Le Monde Diplomatique 2004/2015

Scritti eretici. Articoli, frammenti, schegge di libri corsari. Le Monde Diplomatique 2004/2015

dicembre 22, 2017

Nota fuori margine

Le recensioni di libri sono riprese qui come sono apparse in Le Monde Diplomatique tra il 2004 e il 2015, e altre proposte nella versione originale. Un ringraziamento fraterno, amoroso, complice va a Geraldina Colotti, compagna di strada, che ha accolto i nostri scritti con amichevolezza e, sovente, li ha anche migliorati con i suoi interventi redazionali.

1103 visualizzazioni
L’angelo del non-dove. Encomio sull’eresia dell’amore e sulla ribellione del cuore dei ladri di sogni

L’angelo del non-dove. Encomio sull’eresia dell’amore e sulla ribellione del cuore dei ladri di sogni

di Pino Bertlli, 1996

Soldado (2018) di Stefano Sollima

Soldado (2018) di Stefano Sollima

novembre 11, 2018

“Fare il cinema è una cosa facile, basta saper mettere la macchina al posto giusto…”.
Roberto Rossellini

40 visualizzazioni
Ustioni da polvere da sparo (sul fare film politici) di John Gianvito

Ustioni da polvere da sparo (sul fare film politici) di John Gianvito

novembre 11, 2018

nella foto Jean-Marie Straub e Danièle Huillet

32 visualizzazioni
TRE GIORNI DI ARTE E ANARCHIA

TRE GIORNI DI ARTE E ANARCHIA

ottobre 07, 2018

9, 10 e 11 novembre 2018

122 visualizzazioni
Dogman (2018), di Matteo Garrone

Dogman (2018), di Matteo Garrone

ottobre 07, 2018

“La via dell’eccesso conduce al palazzo della saggezza…
Le prigioni sono costruite con le pietre della Legge,
i bordelli con i mattoni della Religione ”.
William Blake

104 visualizzazioni
Intervista di Barbara Morello a Pino Bertelli – Il tempo della fotografia e il ruolo del fotografo

Intervista di Barbara Morello a Pino Bertelli – Il tempo della fotografia e il ruolo del fotografo

ottobre 07, 2018

7 settembre 2013

95 visualizzazioni
FREAKS (MOSTRI, 1932), di Tod Browning

FREAKS (MOSTRI, 1932), di Tod Browning

ottobre 07, 2018

« È ricercando l’impossibile che l’uomo ha sempre realizzato il possibile.
Coloro che si sono saggiamente limitati, arresi a ciò che appariva loro come possibile
non sono mai avanzati di un solo passo ».
Michail Bakunin

122 visualizzazioni
Il sale della terra (2014), di Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado

Il sale della terra (2014), di Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado

ottobre 06, 2018

“L’uomo libero è colui agli occhi del quale i filosofi sono superstiziosi, e i rivoluzionari, conservatori…
Vi è un diritto che prevale su tutti gli altri, è il diritto all’insurrezione”.
Emile Henry

105 visualizzazioni
MI RICORDO SÌ, MI RICORDO DI CHET BAKER

MI RICORDO SÌ, MI RICORDO DI CHET BAKER

settembre 23, 2018

“Posso credere soltanto a degli dei morti, angeli banditi dalle ali infrante,
vergini di legno dipinto che si scrostano, e cristi in pietra a cui l’intemperie
hanno cancellato i lineamenti alle porte delle chiese”.
Jean- Michel Maulpoix

131 visualizzazioni
MARIO DONDERO. SULLA FOTOGRAFIA COMUNARDA

MARIO DONDERO. SULLA FOTOGRAFIA COMUNARDA

settembre 23, 2018

“…Mai dimenticare che uccidere un padrone è un assassinio, farne fuori cento di padroni è un atto eroico!…”.
(Cantava uno straccivendolo anarchico in un’osteria di porto della mia città nel primo dopoguerra,
che tutti chiamavano Bakunin). P.B.

120 visualizzazioni
Lettera aperta a Michele Smargiassi di Pino Bertelli

Lettera aperta a Michele Smargiassi di Pino Bertelli

settembre 09, 2018

I miserabili(sti)
di Michele Smargiassi (il Fotocrate)

«Che cosa faceva a Calcutta?» «Fotografavo l’abiezione», rispose Christine. «Come sarebbe?»
«La miseria», disse lei, «la degradazione, l’orrore, lo chiami come preferisce». «Perché lo ha fatto?» «È il mio mestiere», disse lei, «mi pagano per questo». Fece un gesto che forse significava rassegnazione alla professione della sua vita, e poi mi chiese: «lei è mai stato a Calcutta?» Scossi la testa. «Non ci vada», disse Christine, «non faccia mai questo errore». «Pensavo che una persona come lei pensasse che nella vita bisogna vedere il più possibile». «No», disse lei convinta, «Bisogna vedere il meno possibile».
Antonio Tabucchi, Notturno indiano

152 visualizzazioni